Salute e Benessere
In Expo 2015
21-27 agosto
11-17 settembre
 
Italiano
English
Deutsch
     
AcquaCure Benessere Medicina News ed Eventi
 



 

Storia dell'antichità

La storia delle Terme Dolomia in Trentino, a Pozza di Fassa, è magica quanto le proprietà terapeutiche delle sue acque. La preziosa sorgente di Alloch, con una composizione solfureo-solfato-calcico-magnesiaca-fluorata unica, venne scoperta già nell’antichità a circa 1320 s.l.m...

Le acque minerali, dai molteplici effetti benefici, sono state utilizzate nel corso dei secoli per curare personaggi illustri, che hanno contribuito a scrivere la storia del Trentino Alto Adige. Fonti certe dimostrano come già verso la fine del XV secolo le sue proprietà curative fossero note e attestate da un famoso medico trentino del tempo, il dott.Balduini. I suoi studi erano così accreditati che il Principe Vescovo di Trento, Odorico Trundsberg, scelse di trascorrere le vacanze a Cavalese, per godere dei trattamenti specifici con la sorgente di Alloch. La “casa del bagno del Fassa” venne successivamente data in regalia al principato vescovile di Bressanone, che l’affittò a Battista de Zulian, antenato della nostra famiglia, per utilizzarla a scopi terapeutici.

Alcuni documenti del 1606 descrivono i bagni come un edificio a due piani. ” Al piano rialzato, dove si trovava la stua o sala da pranzo, tre camere per i bagni con 22 brente (vasche di legno), la dispensa, la cucina col focolare e il forno per il pane e due caldaie di rame per riscaldare l’acqua che vi giungeva attraverso tubi di legno. Al piano superiore c’erano 9 stanze con sedici letti. Per quei tempi poteva considerarsi una delle più grandi strutture ricettive. L’affittuario doveva pagare un minimo affitto (10 fiorini) e aveva l’obbligo di conservare in buono stato i tetti, i mobili e i serramenti e di essere sempre ben provvisto di pane, carne, vino tutto ciò che è necessario per trattare al meglio ogni ospite, sia povero che ricco, sano o ammalato, in modo che non vi fosse alcuna lagnanza” (tratto da “La valle di Fassa” nelle Dolomiti Preistoria. Romanità, Medioevo, contribuiti e documenti di P.Frumenzio Ghetta 1974)

Nel corso del XVIII, l’azione erosiva del torrente Avisio distrusse la struttura: gli effetti benefici dell’acqua di Alloch erano però così conosciuti, che l’edificio venne ricostruito per rimanere attivo fino agli anni Trenta, quando un incendio demolì nuovamente la “casa del bagno di Fassa”.

Negli anni Settanta, gli eredi di Zulian, consapevoli del valore delle acque termali e dei benefici psicofisici che queste facevano sulle persone, chiesero alla Provincia Autonoma di Trento la concessione mineraria. Iniziarono così i lavori per la ricerca della falda acquifera. Le analisi chimico-fisiche effettuate attestarono ciò che i nostri antenati già sapevano: le proprietà benefiche dell’acqua. Successive analisi cliniche eseguite dal Prof. Bocconi presso l’Università di Pavia, dal Prof. Dott. Babighian, emerito otorinolaringoiatra dell’Ospedale di Trento e dal Prof. Dott. Nappi dell’Università di Milano confermarono le proprietà terapeutiche che il Prof. Dott: Defrancesco del Laboratorio di Igiene di Trento aveva evidenziato.

Con grande entusiasmo, nel 2003 la famiglia Zulian ha aperto il Centro termale Terme Dolomia, convenzionato dal 2005 con il Servizio Sanitario Nazionale, per la cura idropinica, l’aerosolterapia e la fangoterapia.

 
   
Val di Fassa

Novità: Controllare il tuo peso


Controllare il peso è un obbiettivo di salute!

Gambe in forma!


Palestra

Acqua termale - movimento - esperienza - tecnologia

Finalmente si respira!


Fangatura seni mascellari

SINUSITE! Previeni il catarro nei seni paranasali!!

PhotogalleryVideogallery
TERME DOLOMIA srl - 38036 Pozza di Fassa (TN) - Strada di Bagnes n. 25 - Tel 0462 762567 - C.F. e P.IVA 01167750221 - Info Company - Privacy Policy
Terme Dolomia - Val di Fassa Trentino