Le cure effettuate con l’acqua termale di Alloch contribuiscono efficacemente al mantenimento ed al recupero di una buona condizione fisica, hanno un’importante effetto di protezione della salute, sia nella fase della prevenzione che in quella della terapia e della riabilitazione, inoltre inducono un aumento delle sostanze antiossidanti nell’organismo.

Prevenzione

Le cure termali servono a prevenire l’insorgenza o meglio a diminuire i sintomi e la frequenza di varie patologie che affliggono la nostra vita quotidiana.

Terapia

Le cure termali sono indicate in determinate patologie croniche e permettono di mitigare i sintomi di picco e migliorare le condizioni di salute del paziente.

Riabilitazione

Le cure termali aiutano notevolmente a riprendere una vita normale dopo alcuni interventi chirurgici come ad esempio trattamenti vascolari e ortopedici.

Controindicazioni

Le cure termali non possono essere eseguite quando la patologia da curare è in fase acuta, incompatibilità con farmaci assunti, insufficienza cardiaca, TBC in tutte le espressioni, malattie infettive, ulcerosi in fase attiva, malattie cutanee umide, esudative, impetiginazzante, eritrodermiche, gravidanza, neoplasie maligne, patologie dismetaboliche ed endocrinologiche. Nel corso della terapia termale possono comunque verificarsi riacutizzazioni, intolleranza e crisi termale. La crisi termale o reazione termale compare in genere nei primi giorni di trattamento consiste in una transitoria reazione all’effetto delle acque termali, l’organismo si deve adattare alla terapia accusando disturbi generalizzati malessere, indolenzimento peggioramento della patologia. Si risolve spontaneamente in pochi giorni, in alcuni casi è richiesta la sospensione della terapia termale, una volta superata produce addirittura un potenziamento dell’efficacia del trattamento, cioè segue un netto miglioramento della malattia.

Le cure

CURA IDROPINICA

La terapia consiste nell’assunzione di una bevanda a base di acqua termale, della sorgente termale Alloch.

Le azioni terapeutiche della cura idropinica si possono riassumere principalmente in azione diuretica, disintossicante e antiossidante. L’effetto più significativo delle acque solfate calciche e magnesiache, come la nostra acqua, è quello esplicato nel tratto intestinale: riscontra infatti un aumento della velocità del transito ed un migliore assorbimento delle sostanze nutritive. Ottimi risultati nei casi di colite spastica con alternanza di stitichezza e diarrea. Inoltre risulta lievemente lassativa e purgativa. I Sali minerali contenuti nella nostra acqua vengono metabolizzati e utilizzati a livello epatico proteggendo le cellule dalla degenerazione indotta da sostanze come l’arsenico, il fosforo nonché dalla necrosi da fenolo.

Gli effetti

Benefici sul metabolismo si possono riassumere in una riduzione della glicemia per azione insulinosimile, una riduzione della colesterolemia e trigliceridemia per stimolo dell’attività enzimatica epatica. Inoltre avendo un alto contenuto di calcio aumenta localmente la fissazione del calcio stimolando la neoformazione dell’osso, è particolarmente indicata nella prevenzione dell’osteoporosi. E’ controindicata in caso di gastriti croniche, ulcera peptica e calcolosi biliare.

Indicato per:

  • effetto protettivo a livello epatico (indicata nelle epatopatie croniche compresa quella alcolica)
  • riduzione della colesterolemia (coadiuvante nelle dislipidemie)
  • stipsi
  • coliti croniche

Benefici:

  • effetto protettivo a livello epatico (indicato nelle epatopatie croniche)
  • effetto antiossidante a livello ematico
  • riduzione della colesterolemia (coadiuvante nella dislipidemia)
  • stimolazione del metabolismo intestinale
  • previene l’osteoporosi

Dispepsia di origine gastroenterica e biliare; Sindrome dell’intestino irritabile nella varietà con stipsi:

  • Dispepsia di origine gastroenterica e biliare
  • Sindrome dell’intestino irritabile nella varietà con stipsi
  • Discinesie delle vie biliari con dispepsia
  • Colecistite cronica alitiasica con dispepsia
  • Gastrite cronica atrofica con dispepsia
  • Gastroduodenite cronica con dispepsia

La cura

I trattamenti di idropinoterapia del nostro centro termale Terme Dolomia prevedono la somministrazione dell’acqua termale della sorgente di Alloch. L’acqua deve essere bevuta nella sua temperatura naturale: non ha ne’ odore ne’ sapore sgradevole. Si consiglia di praticare la cura al mattino, a digiuno, per aiutare l’organismo nell’assorbimento delle proprietà presenti nell’acqua termale, e potenziare così le proprietà terapeutiche della sorgente di Alloch.

La cura consigliata dopo visita e prescrizione medica è di 2 bicchieri al giorno lontano dai pasti bevuti lentamente.

CURA INALATORIA (CRENOTERAPIA)

La cura inalatoria è una terapia consigliata per combattere diverse patologie dell’apparato respiratorio, anche di natura allergica e a livello dell’orecchio medio, è particolarmente indicata anche per i vostri bambini. La nostra acqua termale della sorgente di Alloch contribuisce alla risoluzione dei processi infiammatori cronici, attraverso la funzione di umidificazione e rigenerazione delle mucose, attività antinfiammatoria, mucolitica, muco regolatrice , proteggendo l’apparato respiratorio da eventuali ricadute e rinforzando le difese immunitarie. I risultati a distanza sono la riduzione del numero e dell’intensità degli episodi acuti per cui si ha una diminuzione dell’assenteismo lavorativo e scolastico e minor ricorso a terapie farmacologiche. Per le cure inalatorie, le Terme Dolomia offrono la possibilità di beneficiare di numerosi trattamenti, come: l’inalazione a getto diretto, l’aerosol micronizzato, la doccia nasale e l’humage.

Indicato per:

  • patologie otorinolaringoiatriche
  • patologie broncopneumologiche

Benefici:

  • risoluzione dei processi infiammatori cronici
  • fluidificazione del muco
  • rafforzamento delle difese immunitarie locali

La cura

  • Inalazione a getto diretto:è una metodica in grado di frammentare l’acqua termale in particelle, formando un getto di vapore che viene inalato dal paziente. La temperatura del getto a vapore è di circa 37 – 39°C. Nel getto sono contenuti anche i gas che si liberano nell’inalatore durante il processo di frammentazione. Il paziente si posiziona a circa 20 – 25 cm dal beccuccio erogatore ed inala con il naso e la bocca, ogni seduta dura 10 minuti circa. Il nostro Comitato Scientifico la consiglia come cura preparatoria agli altri trattamenti inalatori.
  • Aerosol micronizzato:è costituito da fini particelle di acqua termale in grado di raggiungere anche le diramazioni più piccole dell’albero respiratorio. Per la frammentazione delle particelle d’acqua viene utilizzata dell’aria compressa, in modo da ottenere una grandezza inferiore ai 3 micron per raggiungere i distretti respiratori inferiori. L’aerosol inalato ha una temperatura corrispondente a quella dell’acqua alla sorgente. Il paziente , secondo la patologia da trattare ed a discrezione del medico termale, utilizza una mascherina o una forcella nasale o un boccaglio collegati all’erogatore attraverso un raccordo di gomma. Ogni seduta ha la durata di circa 10 minuti durante i quali viene inalato un litro e mezzo d’acqua circa.
  • Doccia nasale: in questo trattamento le particelle d’acqua termale hanno dimensioni superiori a quelle delle altre terapie ,viene eseguito ad una temperatura di circa 37°C, serve per detergere la mucosa dalle croste ed eliminare le secrezioni ristagnanti. L’acqua termale per mezzo di uno speciale irrigatore viene fatta penetrare a bassa pressione in una narice, provocandone la fuoriuscita dalla narice opposta. Il Comitato Scientifico di Terme Dolomia consiglia, che questa terapia preceda le altre cure del ciclo inalatorio, poiché l’opera di detersione della mucosa nasale prepara i tessuti a ricevere in modo più efficace i principi attivi delle altre applicazioni inalatorie. Ha la durata di 10 minuti circa.
  • Humage: si tratta di una terapia inalatoria a secco, ove vengono impiegati esclusivamente i gas dell’acqua termale (idrogeno solforato, ecc..)che si sviluppano con una particolare metodica, facendo gorgogliare dell’aria nell’acqua termale . Il paziente inala i gas attraverso una mascherina, ottenendo una profonda e abbondante penetrazione degli stessi nell’apparato respiratorio e nei seni paranasali. Il Comitato Scientifico Termale consiglia , che questa terapia preceda le altre cure inalatorie poiché tende a seccare le vie aeree. Ha la durata di circa 10 minuti.
FANGOTERAPIA (LUTOTERAPIA)

Applicazione completa o distrettuale a seconda della prescrizione medica di un impacco di fango termale. Gli effetti terapeutici di questa metodica consistono principalmente in azione antinfiammatoria, antidolorifica, miorilassante, decontratturante, eutrofica e di stimolazione di processi metabolici e protettivi sui componenti della cartilagine, migliorando la mobilità delle articolazioni.

Altresì viene utilizzato per le rinopatie croniche con applicazioni di fango termale, alla temperatura di circa 38°, in sede dei seni paranasali.

Indicato per:

  • osteoartrosi ed altre forme degenerative
  • patologie reumatiche
  • patologie dermatologiche
  • sinusite

Benefici:

  • effetto analgesico, miorilassante, decontratturante e antiinfiammatorio
  • stimolazione processi metabolici e protettivi delle cartilagini
  • stimolazione del microcircolo e del metabolismo cutaneo
  • azione anti-infiammatoria dei seni paranasali

La cura

Consiste nell’applicazione di un impacco, formato da una parte solida (peloide) e da una parte liquida (acqua termale) posta a maturare per un minimo di 6 mesi che subisce una serie di reazioni chimico – fisiche e processi biologici che lo portano ad un processo di trans mineralizzazione. Dopo questo processo il peloide si trasforma in fango maturo. Il nostro fango nasce ad una temperatura di circa 10° Il paziente accede alla terapia a digestione ultimata .Terme Dolomia effettuano i seguenti trattamenti:

  • Fangatura (soft pack, termocoperta o lettino): il fango viene uniformemente distribuito sulla superficie cutanea della regione o delle regioni da trattare a seconda della prescrizione medica, il paziente viene ricoperto con un lenzuolino e quindi avvolto nel lettino caldo. La durata di ogni applicazione è di 20 minuti ad una temperatura di 37/39°C. Qualora il paziente soffra di disturbi vascolari, le gambe possono essere coperte da un telo che le protegge dal calore. Al termine della seduta il paziente si sottopone ad una doccia di pulizia*.
  • Fangatura e impacco di fieno (soft pack o termocoperta):per potenziare gli effetti della fangoterapia viene aggiunto un impacco di fieno caldo sulle logge renali stimolando una maggiore azione lenitiva – miorilassante, depurativa e drenante. La durata dell’applicazione è di 20 minuti ad una temperatura di 37/39°C. Al termine della seduta il paziente si sottopone ad una doccia di pulizia*.

Per entrambe le applicazioni successivamente si effettua la “reazione” di 10/15 minuti circa coperto su lettino o poltrona . L’effetto più evidente è costituito dall’intensa sudorazione che comincia durante l’impacco e prosegue nel periodo di reazione*.

  • Fangatura calda facciale: il fango in questo caso viene riscaldato e posizionato sui seni paranasali lasciando in posa per circa 15 minuti.

*Per un’azione sinergica si possono abbinare ulteriori terapie come la balneoterapia, l’ingresso in grotta termale, l’ingresso in piscina riabilitativa, un trattamento posturale – fisioterapico. Terminati i trattamenti si consiglia comunque un breve tempo di “reazione”.

BALNEOTERAPIA

L’acqua termale Alloch, che sgorga sulle Dolomiti, ha proprietà antinfiammatorie, miorilassanti, detergenti – lenitive, antiprurito , antiseborroiche e cheratoliniche. L’acqua di “Alloch” favorisce, infatti, la perdita degli strati più superficiali della pelle e stimola la produzione di un nuovo strato corneo sano, elastico e morbido. La balneoterapia consente di ridurre le stasi circolatorie periferiche e riducendo la rigidità dei muscoli e dei tendini e quindi migliorando la funzionalità articolare. E’ indicata nella prevenzione e cura di alcune malattie dermatologiche, vascolari e non per ultime, con l’abbinamento della fangoterapia si ottengono ottimi risultati, per le patologie osteoarticolari.

Il processo terapeutico della balneoterapia in acqua termale deriva dalla contemporanea azione meccanica del massaggio (idromassaggio), della temperatura e quindi delle qualità terapeutiche dell’acqua stessa.

Indicato per:

  • patologie reumatiche
  • patologie dermatologiche
  • patologie angioloiche
  • riabilitazione motoria

Benefici:

  • effetto antinfiammatorio e miorilassante
  • effetto cheratolitico degli strati superficiali della pelle
  • riabilitazione della circolazione periferica

La cura

  • Bagno termale in vasca idromassaggio: viene effettuato in una vasca idromassaggio contenente 250 l di acqua termale pura ad una temperatura di 34 – 37°C per 15 minuti, sfruttando la pressione esercitata da getti di aria calda e fredda stimolando la circolazione sanguigna. Viene consigliata, per le patologie osteoarticolari, in sequenza alla fangoterapia per un potenziamento dei risultati terapeutici, per il trattamento delle contratture muscolari, delle vascolopatie e della cellulite.
  • Bagno termale idroterapico con ozono: il trattamento si svolge in una vasca idromassaggio contenente 290 l di acqua termale , con getti gorgogliati per stimolare il microcircolo e il metabolismo cellulare. La temperatura varia dai 36 ai 39°C.. L’azione sinergica delle acque termali della sorgente Alloch e dell’ozono stimolano il microcircolo e il metabolismo cellulare. La terapia ha una durata di circa 15 minuti.
  • Bagno termale idroterapico con massaggio subacqueo: l’idromassaggio può essere potenziato anche attraverso l’uso di apposita lancia con getto d’acqua a pressione per un massaggio linfodrenante. I getti d’acqua riducono i gonfiori e riattivano la circolazione sanguigna, aiutano a rilassarsi e fanno in modo che il massaggio subacqueo, effettuato a circa 10 centimetri dal corpo, riesca a far defluire correttamente i liquidi stagnanti verso le normali vie di smaltimento.
  • Grotta termale con cascata e cascatelle rigeneranti: terapia con le acque termali della sorgente Alloch, il paziente sosta per 15 minuti circa all’interno della grotta alternando le 2 cascate, quella più grande e le cascatelle più piccole, in una posizione comoda in modo che l’acqua colpisca la zona del muscolo trapezio tra spalla e collo. Con l’alternanza della temperatura tra 34 e 37°C si va a riattivare la circolazione, ottima per lo scioglimento delle tensioni emotive e a livello cervicale. Viene consigliata oltreché per il relax come terapia coadiuvante alla fangoterapia per esempio nelle cervicalgie.
  • Nebulizzazione di acqua termale in bagno a vapore: è un trattamento di prevenzione oltre ad essere utile come rigenerante e attivante il ricambio. Il bagno a vapore deterge la cute molto più profondamente di un comune bagno. Il corpo viene attraversato da una doccia di vapore ascendente. Questo trattamento caldo/umido con una nebulizzazione di goccioline di acqua termale alla temperatura originaria, fa si che i pori si dilatino e attraverso un’intensa sudorazione vengano espulse le tossine. Per una detossinazione energica il Comitato Scientifico Termale consiglia di ripetere il trattamento per 3 volte alternandolo a delle docce fredde per stimolare la circolazione ottenendo una ginnastica vascolare che decongestione e riattiva tutto il metabolismo. Durante l’esecuzione di quest’ultima terapia il paziente è seguito dal personale termale, in seguito è necessario un periodo di relax che va dai 30 ai 40 minuti per la reazione termale.
  • Getti alternati per stimolazione della circolazione: la terapia è effettuata da un operatore, con l’acqua termale fluente alternata calda e fredda, attuata sugli arti inferiori per 15 minuti circa ottenendo una ginnastica di vaso dilatazione e vaso costrizione per migliorare la funzionalità vasomotoria. Viene consigliato in abbinamento con la balneoterapia in vasca idromassaggio e con i trattamenti linfodrenanti.
  • Doccia termale nebulizzata: è un trattamento di relax dove l’acqua termale viene frazionata in particelle più piccole per donare relax e benessere termale. La temperatura è di circa 38°C per una durata di 15 minuti.
  • Lettino effervescente con acqua termale: lettino con materasso caldo e nebulizzazione di acqua termale per chi desidera effettuare un bagno termale senza immergersi nella vasca assaporando un’azione stimolante ” effervescente”.
  • Percorso vascolare: E’ un percorso attivato da fotocellula attraversando getti di acqua calda e acqua fredda temporizzati (1/2 minuti per acqua fredda e 3/4 minuti per l’acqua calda), la diversità della temperatura dell’acqua durante il percorso ha un effetto “pompa” determinato dall’alternanza della costrizione – dilatazione dei vasi periferici dell’intero arto inferiore, viene inoltre consigliato per la cura delle ulcere venose e degli edemi linfovenosi cronici, e la prevenzione alla cellulite. Si effettua al mattino a digiuno in alternativa almeno 2 ore dopo il pasto per 15 minuti circa. Lo staff medico termale consiglia come terapie accessorie, a seconda della patologia da curare, la balneoterapia, massaggi linfodrenanti e trattamenti corpo drenanti.
  • Piscina riabilitativa: la piscina è composta da 2 vasche una più piccolina dotata di idromassaggio classico ad una temperatura di 32°C, viene suggerito come primo ingresso per abituare il corpo al grado di calore. La seconda vasca, attigua, ha una temperatura di circa 34°C e una profondità a più livelli da 100 a 140 cm, dotata di chais longue con idromassaggio lombare, due cascate una per la cervicale e l’altra per la dorsale e un percorso riabilitativo motorio con idromassaggio linfodrenante e camminata controcorrente. Si consiglia una permanenza all’interno delle vasche per una ventina di minuti e poi una pausa di 10/15 minuti ed eventualmente un’altra immersione in acqua, se non vengono seguiti altri trattamenti, per altri 15/20 minuti. Il trattamento in piscina riabilitativa può essere abbinato alle seguenti cure:
    • Fangoterapia per le patologie osteoarticolari (lombalgie, cervicalgie ecc.)
    • Fisioterapia per la riabilitazione motoria dopo esiti da intervento o infortuni agli arti
    • Idromassaggio termale, percorso vascolare, getti soavi, massaggi
    • linfodrenanti per le patologie vascolari
RIABILITAZIONE MOTORIA

In abbinamento alla fangoterapia, alle Terme Dolomia si può effettuare la riabilitazione motoria, che ha il compito di recuperare e/o migliorare la funzione articolare, la forza e il tono muscolare e la capacità di movimento. Questi possono essere compromessi o ridotti in conseguenza di una malattia degenerativa articolare o come postumo di un trauma, di un intervento di chirurgia ortopedica o per un incidente neurologico. La riabilitazione motoria include le diverse forme di attivazione muscolare e tutti gli esercizi diretti al miglioramento dell’aspetto posturale e dinamico del corpo umano. Classicamente suddivisa in attiva e passiva per la specifica collaborazione del paziente.

Indicato per:

  • dolori articolari e infiammazioni
  • traumi recenti
  • sintomatologie dolorose legate a malattie reumatiche
  • riabilitazioni dopo interventi o infortuni

Benefici:

  • Attenuazione del dolore
  • Riduzione dei processi infiammatori reattivi
  • Mantenimento o ripristino delle escursioni articolari
  • Trattamento dell’ipotrofia/ipotonia muscolare
  • Prevenzione delle alterazioni dello schema deambulatorio
  • Riallenare allo sforzo in caso di decondizionamento motorio.

La cura

  • Trattamento fisioterapico: favorisce il mantenimento e la ripresa alle attività quotidiane soprattutto dopo traumi, malattie osteoarticolari e interventi. Viene stabilito un piano di trattamento, in funzione alla diagnosi. In seguito, il fisioterapista eseguirà i trattamenti riabilitativi necessari alla patologia diagnosticata per favorire la riabilitazione funzionale.
  • Tecar Novità in ambito fisioterapico e riabilitativo, “Human Tecar” è la Tecar ad elevata specializzazione per un eccezionale recupero funzionare: una tecnica che stimola energia dall’interno dei tessuti biologici, attivando i naturali processi riparativi e antinfiammatori.
  • Elettrostimolazione, Tens, Diadinamica, Ionoforesi, Magnetoterapia: trattamenti sviluppati dalla nuova tecnologia medica, per un benessere fisico non invasivo. L’elettrostimolatore e il tens, per stimolare i nervi del nostro corpo e alleviare i fastidiosi dolori. Un beneficio analgesico lo assicura anche la terapia Diadinamica, per un azione che migliora il trofismo dei nostri tessuti. La terapia Ionoforesi permette, invece, di iniettare al nostro corpo i medicinali allo stato ionico, senza quindi l’uso di aghi e quindi senza dolore. Gli ioni si unisco a determinate proteine, allungando così la permanenza delle sostanze medicinali in circolo e potenziando il trofismo dei tessuti, anche profondi. La magnetoterapia sfrutta l’energia elettomagnetica per favorire la rigenerazione dei tessuti e la stimolazione delle difese naturali organiche.
  • Ultrasuoni, Laser terapia. Ricreiamo gli ultrasuoni artificialmente, coinvolgendo i cristalli minerali all’azione di un campo elettronico a corrente alternata. I suoni raggiungono il vostro corpo, per un avvolgervi in un micro-massaggio, per un effetto antalgico, trofico e rilassante dei muscoli. La laserterapia sfrutta invece l’energia delle sorgenti di luce laser monocromatiche, per un effetto antidolorifico ed antinfiammatorio.
  • Idrokinesiterapia: un benessere che inizia con la riabilitazione in acqua effettuata dai nostri terapisti della riabilitazione. La cura sfrutta il movimento dolce dell’acqua, per un recupero efficace articolare e funzionale che permette l’esecuzione di movimenti controllati e in condizioni di minimo carico riducendo il dolore e il tempo di recupero. L’acqua sostiene gran parte del peso del corpo favorendo l’esecuzione di movimenti con un corretto lavoro muscolare . La riduzione del peso corporeo che si ottiene permette inoltre di eliminare il dolore dovuto al carico quindi si può iniziare precocemente la riabilitazione motoria. Altrettanto importante è l’effetto analgesico della temperatura dell’acqua tra i 32 e i 34°C.